LA VERITA’ DEI NUMERI

di Alberto Mortara, curatore del Bilancio

Il bilancio sociale 2017 si intitolava: “Sguardi quotidiani, quello che i dati ancora non dicono”, concetto che nella nota metodologica veniva ulteriormente declinato con queste parole: “e forse non diranno mai”.

Analizzando i dati del 2018 ci siamo chiesti: ma è proprio così? Siamo certi che i numeri restituiscano una realtà fredda in cui emerge solo la congruità tra quanto il nostro ente ha a disposizione e i servizi prodotti? Forse è possibile far parlare quei dati perché descrivano le persone a cui quei servizi sono rivolti: hanno studiato? riescono a curarsi adeguatamente? che rapporto hanno con il lavoro? ed ancora e soprattutto, come questi dati interagiscono tra di loro?

In questo quarto bilancio intendiamo proseguire nel percorso di comprensione del senso del nostro agire ma lo vogliamo fare a partire dai numeri. I racconti di vita quotidiana sono indubbiamente il modo migliore per comprendere la vita delle persone, per ridare dignità a chi approda nei nostri servizi come scelta obbligata di una deriva sociale in cui spesso galLeggiare e lasciarsi portare è l’unico modo per sopravvivere. I numeri, tuttavia, sono capaci di descrivere come si modificano i fenomeni sociali e ci consentono di approfondire cause ed effetti di una società che fa sempre più fatica ad accogliere ed in cui i processi di esclusione vengono spesso stigmatizzati come ineluttabili. Conseguenze dirette di errori se non addirittura di colpe.

Allora il narrare la vita delle persone attraverso dati e statistiche su scuola, malattie, lavoro, famiglia diventa un modo per comprendere quanto spesso il disagio sia una questione dipossibilità ricevute e non di scelte sbagliate. Circondati da affermazioni che assumono valore solo per la forza con cui vengono espresse e per il consenso che generano, abbiamo scelto di credere nella verità dei numeri.

Certo non abbiamo la pretesa di esaurire temi sociali ampissimi come migrazioni e percorsi di impoverimento ma riteniamo che la nostra presenza su Genova sia significativa, almeno per il numero di persone che incontriamo ogni anno e che condividono un pezzo di strada con noi. Ci siamo così sforzati di raccogliere tutte le informazioni possibili sulle personeche a noi si sono affidate. Per restituire una fotografia pulita di chi sono i senza tetto e i migranti nella nostra città.

Per farlo ci siamo rivolti nuovamente agli operatori dei servizi a cui abbiamo chiesto lo sforzo di affiancare alla fatica quotidiana del lavoro sociale la raccolta dei dati, attraverso cui speriamo di sostenere la dignità delle persone che seguiamo e di difenderli da facili teorie che li stigmatizzano come fannulloni o delinquenti.

Come gli scorsi anni, agli operatori va nuovamente il nostro ringraziamento.

 


introduzione di Gigi Borgiani, direttore Auxilium
GENERATORI DI SPERANZA

 

SFOGLIA IL BILANCIO SOCIALE

Ricevi la Newsletter di Auxilium

Rimani aggiornato sulle nostre attività, storie, progetti, campagne, appuntamenti ed eventi

Grazie per aver compilato il form Per tua sicurezza e per la privacy al fine di completare l'iscrizione dovrai cliccare sul pulsante che ti è arrivato via mail

Share This