Natale nell'Armadio!!

Natale nell’Armadio!!

Il dormitorio di prima accoglienza (prima Pioppo, oggi Ulivo) ha inaugurato la sua fondamentale attività circa 10 anni fa e nel corso del tempo sì sono avvicendate centinaia di persone.

Questo flusso ha provocato una inevitabile usura degli armadi che vennero acquistati nuovi per l’apertura.

Gli armadi oggi si presentano fortemente danneggiati: molti sono sfondati posteriormente, molte ante si sono staccate, ripiani caduti. In molti casi sono quasi inutilizzabili.

Un buon armadio è fondamentale per chi vive in strada e si ferma per un breve periodo in dormitorio; poter “mettere in ordine” quel poco che si possiede ha un enorme valore pratico e un altrettanto forte valore simbolico. 

La dignità delle persone non passa soltanto attraverso il soddisfacimento dei bisogni primari: poter offrire un luogo curato rimanda alla persona un senso di rispetto e, appunto, dignità.


È quindi fondamentale poter cambiare gli armadi ed è per questo che abbiamo deciso di lanciare una raccolta fondi fra noi volontari e operatori e di proporla anche ai nostri parenti e amici e, infine, a tutti coloro che, per questo Natale, vogliano fare un dono davvero prezioso.

Abbiamo bisogno del “nostro” aiuto!!

Gli armadi individuati costano 99€ ciascuno e ne serviranno 20, sono più grandi e resistenti di quelli ora in uso!

 

La raccolta fondi avviene tramite i Volontari per l’Auxilium ODV e le donazioni possono avvenire tramite versamento con IBAN, online con Carta di Credito o Paypal o in contanti attraverso la Segreteria Auxilium.

IMPORTANTE: come causale della donazione indicare Natale nell’Armadio

BONIFICO

C/C intestato a “Fondazione di Religione Auxilium

IBAN:  IT47T0501801400000011020104

CARTA DI CREDITO / PAYPAL

Ricevi la Newsletter di Auxilium

Rimani aggiornato sulle nostre attività, storie, progetti, campagne, appuntamenti ed eventi

Grazie per aver compilato il form Per tua sicurezza e per la privacy al fine di completare l'iscrizione dovrai cliccare sul pulsante che ti è arrivato via mail

Share This