ECOLOGIA DEL QUOTIDIANO

Ecologia del Quotidiano mira a portare beneficio alle persone che vivono nel territorio compreso tra l’ex Ghetto e il comprensorio di Via Prè attraverso la valorizzazione dei luoghi e lo stimolo delle relazioni sociali. Vorremmo agire attraverso i nostri servizi che hanno sede nella zona e attraverso l’impegno delle persone in essi attive. Per farlo non vogliamo muoverci in autonomia ma in rete con chi condivide l’amore per questa parte della nostra città e vorrà percorrere con noi questo pezzo di strada.

Progetto Ecologia del Quotidiano

Fondazione Auxilium

Da oltre 80 anni la Fondazione Auxilium è espressione della Chiesa Genovese nel servizio ai poveri. È ente patrocinato dalla Caritas Diocesana di Genova. Oggi opera a favore di persone senza dimora, immigrate, richiedenti asilo e rifugiate, persone con Hiv/Aids, famiglie in difficoltà, minori, vittime della prostituzione. Ad esse propone servizi, progetti e nuove relazioni attraverso l’impegno di volontari e operatori professionali. Nel 2014 Auxilium ha accolto 1.856 persone anche solo per un colloquio o un pasto caldo (862 persone senza dimora, 848 persone straniere, 100 tra minori e famiglie in difficoltà, 46 persone con problemi afferenti alla sfera sociosanitaria) e ha messo a disposizione oltre 63.000 notti, più di 200.000 pasti, circa 18.500 interventi di sostegno educativo e 1.300 percorsi di accompagnamento individualizzato.

La Staffetta

Il Centro di Aggregazione Giovanile (C.A.G.) La Staffetta opera nel Centro storico di Genova dal 1987 e ha sede a Prè in Vico delle Marinelle 6R. Offre occasioni di socializzazione e di aggregazione organizzata per bambini e ragazzi, opera secondo la metodologia sistemica relazionale a favore dei minori e delle loro famiglie, promuove la coesione sociale e il “ben-essere” nel territorio attraverso il lavoro di rete e lo sviluppo di comunità. L’accesso dei minori al Centro di aggregazione è sia spontaneo, con l’iscrizione da parte del genitore o di coloro che ne hanno la responsabilità, sia per invio concordato con l’Ambito Territoriale Sociale (ATS) di competenza. La Staffetta si avvale del contributo di operatori professionali e volontari.

Casa della Giovane

Situata in Piazza S. Sabina 4 (sotto Piazza della Nunziata) Casa della Giovane deve il suo nome all’attività di accoglienza, ascolto, appoggio materiale e morale alla gioventù femminile, svolta per decenni da Acisjf (vedi sotto). Dopo diversi anni di inattività, oggi la Casa, recuperata e rimodernata, continua ad assolvere a questo mandato, svolto sempre da Acisjf, ma ha allargato la sua propensione sociale anche al servizio per le famiglie fragili e alle persone gravemente emarginate (senza dimora e persone straniere richiedenti asilo e rifugiate). Tali nuovi servizi – mensa, comunità e alloggi sociali – sono promossi dalla Caritas Diocesana e gestiti dalla Fondazione Auxilium, in collaborazione con le cooperative sociali Il Melograno ed Emmaus Genova e l’organizzazione di volontariato Volontari per l’Auxilium. Svolge qui un suo servizio di mensa anche la Comunità di Sant’Egidio.

Acisjf – Protezione della Giovane Genova

L’Associazione Cattolica Internazionale al Servizio della Giovane (A.C.I.S.J.F. Protezione della Giovane) nasce nel 1897 a Friburgo (CH) e nel 1902 in Italia: un anno dopo è già presente a Genova. L’ispirazione originaria è dare corpo al “cristianesimo sociale”, concretizzare cioè l’attenzione dei cristiani alle questioni sociali. A Genova la sua attività si caratterizza soprattutto per la gestione di Casa della Giovane, aperta nel 1958: per 30 anni Acisjf risponde con questa accoglienza ai delicati problemi dell’emigrazione delle donne in una città di mare come Genova. Le ragazze “viaggianti”, infatti, furono una priorità del tempo. Le case di accoglienza sono oggi in tutta Italia il cuore pulsante dell’Associazione e vogliono essere uno spazio ed un tempo di famiglia per chi non ha famiglia o ne è lontano per tanti diversi motivi. Dopo la ristrutturazione di Casa della Giovane, Acisjf ha ripreso il suo servizio alle giovani donne, adattandolo alle esigenze di oggi.

Stiamo operando secondo le seguenti linee di intervento:

  • la cura dell’infanzia e della genitorialità (sostenere chi fa fatica a crescere e chi fa fatica ad accompagnare nella crescita, non solo per limiti economici)
  • la cura delle risorse e delle competenze di chi usufruisce dei nostri servizi (stimolare un approccio attivo nei beneficiari, come soggetti in grado di concorrere attivamente alla progettazione e alla gestione di attività sociali)
  • la cura delle relazioni e dell’integrazione (facilitare l’incontro e lo scambio tra gli abitanti e i nuovi ospiti del territorio)
  • la cura dei luoghi (partecipare al processo di riqualificazione del Centro storico)
  • la cura del servizio (motivare il volontariato e l’impegno sociale)
  • la cura pastorale (sostenere la formazione della persona all’interno di un percorso di crescita nella fede attraverso la carità)
  • la cura del cibo (nutrire nel rispetto dell’ambiente) e con il cibo (nutrirsi come opportunità di convivialità).

Il progetto è partito nello scorso mese di settembre, ad oggi sono state attivate le seguenti iniziative presentate per linee di intervento:

la cura dell’infanzia e della genitorialità

  • Sostegno economico ad alcune ospiti di casa della giovane attraverso percorsi di attivazione sociale presso il gruppo di volontarie del guardaroba che raccoglie riordina e distribuisce indumenti per le persone senza dimora seguite dalla Fondazione Auxilium e l’associazione “Musicalmente” che organizza corsi di teatro a persone in situazione di fragilità sociale.

la cura delle relazioni e dell’integrazione

  • Avvio del gruppo di pilotaggio del progetto, che conta la presenza di 21 soggetti tra cui i quattro parroci del territorio su cui insistono le attività

La cura dei luoghi

  • Collaborazione con l’università degli studi di Genova per la riqualificazione degli spazi esterni attigui alla sede della Staffetta
  • Progettazione di una giornata di pulizie della zone di Prè, in collaborazione con il Movimento Giovanile Missionario.

la cura del servizio

  • Coinvolgimento nel convegno regionale del MASCI, dedicato alle relazioni di aiuto
  • Partecipazione alla giornata mondiale di lotta all’aids attraverso l’organizzazione di una serata a favore degli ospiti delle comunità cittadine.
  • Progettazione di una festa di quartiere con le associazioni che operano nel sestiere di Prè

la cura pastorale

  • Collaborazione con la Parrocchia di Santa Maria di Castello alla realizzazione di diversi momenti di spirituali a favore della popolazione immigrata in occasione dell’anno santo della Misericordia

la cura del cibo

  • Realizzazione di una cena presso la mensa di Casa della Giovane a favore degli ospiti delle case famiglia per malati di aids genovesi, in occasione della giornata mondiale della lotta all’aids
  • Realizzazione di una cena comunitaria sempre presso i locali della mensa di Casa della Giovane in occasione del convegno ligure del MASCI

 

In futuro si intende sviluppare le seguenti attività:

La cura dell’infanzia e della genitorialità

  • Incontri di formazione per le famiglie con la possibilità di usufruire di un servizio di baby-sittering.

La cura delle risorse e delle competenze di chi usufruisce dei nostri servizi

  • Corsi di lingua e cultura locale in cui sono attori le persone rifugiate (Migrantes discentes).

La cura delle relazioni e dell’integrazione

  • Attività di cineforum, progettata e realizzata insieme a chi usufruisce dei servizi.

La cura dei luoghi

  • Attivare esperienze analoghe a quelle progettate per il sestiere di Prè anche nella zona dell’ex ghetto con l’affidamento a persone inserite in percorsi di attivazione sociale del mantenimento del decoro degli spazi.

La cura del servizio

  • Mettiamo a disposizione la sede di Casa della Giovane come luogo di incontro, i servizi della zona come palestra di formazione alla povertà per i giovani (formarsi sul campo e formarsi sui contenuti).

La cura pastorale

  • Proporre a Casa della Giovane e nel vicino Oratorio incontri di spiritualità e di educazione alla carità.

La cura del cibo

  • Cene a tema organizzate da diversi enti, riunirsi intorno al cibo.
  • Proposte di cibo etnico.
  • Conoscere la filiera dell’alimentazione interrogandosi circa l’impatto della produzione di cibo sul consumo di risorse energetiche.
  • Organizzare pranzi a basso impatto energetico.

AGGIORNAMENTI

Contatti

Ecologia quotidiana per un’etica civile.

di Luigi Borgiani, direttore (PDF) Lunedì 24 Ottobre scorso ho preso parte ad un seminario del Forum di Etica Civile, organizzato a Palermo da Fondazione Lanza. Si tratta di un interessante percorso che “mira a ritrovare una connessione tra i grandi temi della cultura...

leggi tutto

P. Mauro: “Ecco perché non se ne stanno a casa loro”

P. Mauro non è persona che accomodi la verità. Da missionario, ha negli occhi il destino spezzato di migliaia, milioni di africani. Guarda il mondo dal punto di osservazione di chi ne è escluso e lo descrive senza sconti: con una metafora biblica, lo apostrofa come...

leggi tutto

Rivedere gli incontri su Volontariato e Migrazioni

In attesa del 20 giugno quando, in occasione della Giornata del Rifugiato, si svolgerà a Casa della Giovane il quarto e ultimo incontro del ciclo "Conoscere, comprendere, sostenere: il volontariato a confronto con le migrazioni" (promosso da Volontari per l'Auxilium...

leggi tutto

Richiedi Informazioni

diventa volontario

I volontari offrono alle persone nel disagio aiuto, opportunità, relazioni di fiducia. Il servizio richiesto risponde ad una vasta gamma di mansioni e di orari: c’è chi stira la mattina, chi serve i pasti a pranzo o a cena, chi svolge pratiche di segreteria, chi accompagna ad una visita o in un ufficio, chi fa giocare i bambini o accoglie una persona senza dimora nel pomeriggio, chi apre le porte dei dormitori, chi anima serate di festa.

Ricevi la Newsletter di Auxilium

Rimani aggiornato sulle nostre attività, storie, progetti, campagne, appuntamenti ed eventi

Grazie per aver compilato il form Per tua sicurezza e per la privacy al fine di completare l'iscrizione dovrai cliccare sul pulsante che ti è arrivato via mail

Share This